Informativa breve

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge, aggiornato all art. 13 e 14 del GDPR. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link o pulsanti al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

 

Accetto  Normativa privacy estesa

 

Comune di Savoca

98038 Savoca ME

csavoca@comunedisavoca.it

Dati Municipio di appartenenza

Tel. 0942-761006

www.comunedisavoca.it

Descrizione:

Savoca è un paese arroccato sopra un colle roccioso (303 m s.l.m.), città d’Arte che dal 2008 è inserita tra i Borghi più belli d’Italia. L’economia è basata prevalentemente sull’agricoltura (olive, uva, limoni, agrumi e frutta) e l’allevamento (bovini, capre, pecore e suini). Notevole anche la produzione di prodotti caseari. Tra i monumenti più interessanti citiamo la Chiesa Madre, edificata nel 1130 e dedicata a Santa Maria Assunta, la Chiesa di San Michele costruita attorno al 1250 e ristrutturata verso la metà del ‘600 e la Chiesa di San Nicolò (XIII sec.) che conserva all’interno alcune opere salvate dal crollo della Chiesa di Santa Lucia nel 1880, tra le quali possiamo ammirare una statua argentea di Santa Lucia e un quadro seicentesco raffigurante la “Madonna del Parto”. Inoltre si possono vedere i ruderi del Castello Saraceno, un’abitazione medievale con finestra bifora costruita nel tardo ‘500. Tra gli edifici civili troviamo il Palazzo Salvadore (XVII sec.) ancora in ottimo stato, il Palazzo Crisafulli recentemente ricostruito e il Palazzo Scarcella (XVII sec.) che, nonostante sia semi crollato, conserva ancora un elegante balconcino sorretto da tre mensole di pietra finemente lavorate.



Storia:

Il paese fu fondato nel 1134 da Ruggero II e si sviluppò intorno alla “Rocca di Pentefur dove fu costruita una fortezza chiamata “Castello Saraceno”. Negli anni, a causa di gravi calamità naturali, molti dei suoi abitanti hanno scelto di emigrare. Resta comunque famoso per le antiche vestigia di origine medioevale, rinascimentale e barocco e per la Cripta (Convento dei Cappuccini) in cui sono custodite le salme imbalsamate dei notabili della città.



Numeri utili

Municipio: Piazza G. D’Annunzio tel. 0942-761006/761007 fax. 0942-761014


 


Santo Patrono - Santa Lucia Festeggiamenti: 13 dicembre e seconda domenica di agosto.


 




 






Galleria degli utenti su questa località: