Informativa breve

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge, aggiornato all art. 13 e 14 del GDPR. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link o pulsanti al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

 

Accetto  Normativa privacy estesa

 

Comune di Ficarazzi

90021 Alia PA

www.comune.ficarazzi.pa.it

Dati Municipio di appartenenza

Tel. 091 495236

Descrizione:

Ficarazzi sorge in una zona litorale pianeggiante (23 m s.l.m.), si distingue per la produzione di prodotti agricoli ed ortofrutticoli. Tra i suoi monumenti ricordiamo la Chiesa del Crocifisso che conserva al suo interno un imponente Crocifisso ligneo; la Chiesa Madre, del 1722, dedicata a Sant’Atanasio (che risulta essere la più antica parrocchia del comune), dove al suo interno si possono ammirare preziose opere tra cui un Crocifisso ligneo del XVI sec. attribuito a Fra’ Umile da Petralia. Tra gli edifici civili citiamo la Villa Merlo del ‘700, la cui forma è quella classica dei bagli siciliani, attualmente di proprietà del comune ospita mostre ed eventi di varia natura legati alle tradizioni del paese; il Palazzo Giardina, detto comunemente Castello, una torre altomedievale del V sec.; il Baglio Quattrociocchi, una costruzione di tipo agricolo risalente al XVII sec.; la Torre Cordova, costruita nel XVI sec. a difesa della foce del fiume Eleuterio. Vi sono inoltre due acquedotti che attraversano il territorio di Ficarazzi, il primo (XV sec.) composto da nove archi, convogliava l’acqua fino alle coltivazioni di canna da zucchero situate a breve distanza, il secondo fu fatto costruire dal principe Giardina nel XVII sec. per trasportare acqua nei propri poderi.


Storia:

Il primo insediamento risale al XII sec. a. C., da parte dei Greci. Dopo un lungo periodo di vuoto i Fenici si stanziarono presso la foce del fiume Eleuterio. Nel medioevo fu feudo della famiglia dei Chiaramonte. Nel 1648 passò sotto il controllo dei Padri Teatini, che mantennero il feudo per quasi un secolo. In seguito venne acquistato dal principe Giardina, la cui famiglia mantenne il dominio fino all’unità d’Italia. Venne riconosciuto ufficialmente come comune nel 1750.


Numeri utili

Municipio: Corso Umberto I tel. 091-495236 fax. 091-496740

Santo Patrono - SS. Crocifisso Festeggiamenti 14 settembre.


 



Galleria degli utenti su questa località: