Informativa breve

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge, aggiornato all art. 13 e 14 del GDPR. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link o pulsanti al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

 

Accetto  Normativa privacy estesa

 

Comune di Castrofilippo

92020 Castrofilippo AG

www.comune.castrofilippo.ag.it

protocollo.comune.castrofilippo@pec.it

Dati Municipio di appartenenza

Tel. 0922-829251

Descrizione:

Castrofilippo sorge in una zona collinare (480 m s.l.m.),vanta la coltivazione biologica di grano,uva,cipolle,aglio e frutta. Molto noto il locale formaggio pecorino,stagionato e conservato artigianalmente. E’ molto interessante una visita al centro storico del paese,iniziando dai “canali”, dove scorreva l’acqua che era fonte di vita per i suoi abitanti,per arrivare alla Chiesa di Maria SS. Del Rosario con la sua caratteristica scalinata. Poi si va alla Piazzetta Rinaldi che alla fine dell’ottocento rappresentava il cuore della vita sociale del paese,e da qui proseguendo tra i vicoli si arriva alla Chiesa di Sant’Antonio Abate,costruita alla fine del 1600,luogo di riunione e culto per il Santo a cui i cittadini erano devoti.

Storia:

Il ritrovamento di una necropoli e di numerosi reperti archeologici indicano l’esistenza di una colonia greco-romana. A nord appena fuori dal centro urbano ci sono i resti di un castello che testimoniano la presenza degli Arabi. Il borgo feudale fu fondato nel 1576,dal duca di Metinna e viceré di Sicilia Stefano Monreale.Nel 1625 il signore Vincenzo Cicala fu nominato primo duca del paese. Il comune divenne autonomo nel 1812 con l’abolizione dei diritti feudali.

Numeri utili

Santo Patrono - Sant’Antonio Abate, le celebrazioni si svolgono in due momenti:il primo,17 gennaio,con la solennità liturgica e sul sagrato della chiesa la benedizione degli animali,dei frutti della terra e il pane,con forme di parti del corpo guarite per l’intervento “miracoloso” del Santo. In un secondo momento,penultima domenica di giugno,con la festa esterna,cioè, processione della statua di Sant’Antonio,la banda musicale e i fuochi d’artificio.


 




Galleria degli utenti su questa località: