Informativa breve

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge, aggiornato all art. 13 e 14 del GDPR. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link o pulsanti al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

 

Accetto  Normativa privacy estesa

 

Comune di Maletto

95035 Maletto CT

www.comune.maletto.ct-egov.it

Dati Municipio di appartenenza

Tel. 095 7720004

Descrizione:

Attualmente la principale risorsa del paese è l’agricoltura, uva, frumento, legumi, mele, pere e fragole (conosciute in tutta Italia). Discreto l’allevamento,bovini, ovini ed equini. Il commercio di legname, formaggi e ortofrutticoli è molto attivo.
Tra i suoi beni monumentali è da segnalare la Chiesa di San Michele e la Chiesa di Sant’Antonio Abate. L’ottocentesca Chiesa Madre conserva ancora i resti dell’antica costruzione, con un interessante campanile a cupola del tardo rinascimentale. Da visitare è la zona archeologica di Tartarici e i resti del Castello Medievale.

Storia:

Il borgo fu fondato nel 1263 da Manfredi Maletto, conte di Mineo. Ripopolato in seguito dagli Spatafora nel 1440, Maletto fu elevato a principato nel 1609. Fino al 1812, anno dell’abolizione del feudalesimo in Sicilia, la famiglia Spatafora da Randazzo fu sempre feudataria del paese. Nel 1820 il paese, insieme a Bronte, insorge in favore della Costituzione siciliana, al fianco di Palermo, contro Catania. Come tutti i centri dell'Etna, Maletto ha subito diverse distruzioni causate dalle eruzioni.


Numeri utili

Ricorrenze:
Settembre (seconda domenica): festeggiamenti in onore di Sant'Antonio da Padova, patrono di Maletto.
Giugno: sagra delle fragole.
Ottobre: sagra dell'uva.


 



Galleria degli utenti su questa località: